Home > News > The Simone de Beauvoir Prize(2009) is Awarded to the Campaign for One (...)

The Simone de Beauvoir Prize(2009) is Awarded to the Campaign for One Million Signatures Demanding Changes to Discriminatory Laws

Friday 9 January 2009, by admin

Feminist School:The Simone de Beauvoir prize for Women’s Freedom was founded to help mobilize international solidarity ,reaffirm women’s rights,guarantee the protection of those who struggle today at the risk of their lives and defend with them the ideas of equality and peace .

The prize was founded to mark the centenary of Simone de Beauvoir’s birth on January 9,2008.

The first Simone de Beauvoir prize was awarded jointly on January 9,2008 to Taslima Nasreen ,Bangladeshi author, because she endangered her life for women’s freedom and supporting women’s rights and Ayaan Hirsi Ali,a former member of the Dutch Parliament,.

The prize was awarded by the international jury in Sorbonne University.

About "One Million Signatures Demanding Changes to Discriminatory Laws"

Iranian women’s rights activists are initiating a wide campaign demanding an end to legal discrimination against women in Iranian law. The Campaign, "One Million Signatures Demanding Changes to Discriminatory Laws," which aims to collect one million signatures to demand changes to discriminatory laws against women, is a follow-up effort to the peaceful protest of the same aim, which took place on June 12, 2006 in Haft-e Tir Square in Tehran. Preparation activities in support of this campaign commenced inJune of 2006 and the campaign will be officially launched on August 27, during a seminar entitled: "The Impact of Laws on Women’s Lives."

Background Information

Campaign Description

Iranian law considers women to be second class citizens and promotes discrimination against them. It is noteworthy that legal discrimination of this type is being enforced in a society where women comprise over 60% of those being admitted to university. It is generally believed that laws should promote social moderation by being one step ahead of cultural norms. But in Iran the law lags behind cultural norms and women’s social position and status.

Without a doubt, women of lower socio-economic status or women from religious and ethic minority groups suffer disproportionately from legal discrimination. On the other hand, these unjust laws have promoted unhealthy and unbalanced relationships between men and women and as a result have had negative consequences on the lives of men as well.

On the other hand, the Iranian government is a signatory to several international human rights conventions, and accordingly is required to bring its legal code in line with international standards. The most important international human rights standard calls for elimination of discrimination based on gender, ethnicity, religion, etc.

The Campaign aims to collect one million signatures in support of changes to discriminatory laws against women. It will provide education on legal issues to the public and especially to women, raise public awareness, promote collaboration between groups demanding equality between men and women, and document experiences.

Read more about the campaign:

The Most Frequent Questions Asked from One Million Signatures Campaign

Which Laws Are We Seeking to Change?

Above article in Italian:

Il Premio Simone de Beauvoir (2009) è attribuito alla campagna per un milione di firme per cambiare le leggi discriminatorie

Feminist school: Il premio Simone de Beauvoir per la libertàdella donna è stato creato per aiutare a mobilitare la solidarietàinternazionale, riaffermare i diritti delle donne, garantire la protezione di coloro che lottano oggi a rischio della propria vita e difenderecon loro le idee di uguaglianza e di pace.

Il premio è stato fondato per commemorare il centenario di nascita di Simone de Beauvoir nel 9 gennaio 2008.

Il Primo premio diSimone de Beauvoir è stato assegnato congiuntamente il 09 Gennaio 2008 a Taslima Nasreen, la scrittrice di Bangladesh perché la sua vita è in pricolo per la libertàe sostenere i diritti delle donne e Ayaan Hirsi Ali, un ex membro del Parlamento olandese, .

Il premio è stato assegnato dalla giuria internazionale in Universita’ di Sorbiona.

A proposito di "un milione di firme per cambiare le leggi discriminatorie"

Le donne iraniane attiviste dei diritti hanno cominciato una vasta campagna di richiedere la fine ai discriminazioni legali contro le donne in Iran . La campagna, "un milione di firme per cambiare le leggi discriminatorie", che mira a raccogliere un milione di firme per chiedere modifiche ai leggi discriminatorie contro le donne, è una protesta pacifica dello stesso obiettivo, che ha avuto luogo il giorno 12, 2006 in Piazza Haft-e Tir a Teheran. Preparazione delle attivitàa sostegno di questa campagna è iniziata nel giugno del 2006 e la campagna è stata lanciata ufficialmente il 27 agosto, nel corso di un seminario dal titolo: "L’impatto delle leggi sulla vita della donna."

Informazioni

Descrizione della Campagna

La legge iraniana considera le donne cittadine di seconda classe e promuove la discriminazione nei loro confronti. Èimportante sapaere che la discriminazione legale di questo tipo viene eseguita in una societàdove le donne comprendono oltre il 60% di coloro che sono stati ammessi agli studi universitari.Si ritiene generalmente che le leggi dovrebbero promuovere l’integrazione sociale con un passo avanti dalle norme culturali. Ma in Iran la legge è in dietro rispetto le norme culturali e posizione sociale delle donne.

Senza dubbio, le donne di basso status sociale - economico e le donne delle minoranze etica e religiosa risentono in modo sproporzionato le discriminazione legale. D’altro canto, queste leggi ingiuste, hanno promosso e insalubri sbilanci rapporti tra uomini e donne , di conseguenza, hanno avuto conseguenze negative anche sulla vita degli uomini .

D’altro canto, il governo iraniano ha firmato numerosi convenzioni internazionali sui diritti umani e, di conseguenza, è necessario per portare il suo codice giuridico in linea con gli standard internazionali. I più importanti standard internazionali per i diritti umani chiede l’eliminazione di qualsiasi discriminazione fondata sul sesso, etnia, religione, ecc

La campagna mira a raccogliere un milione di firme a sostegno di cambiamenti alle leggi discriminatorie contro le donne. Essa forniràl’istruzione su questioni giuridiche del pubblico e in particolare alle donne, sensibilizzare l’opinione pubblica, promuovere la collaborazione tra i gruppi che chiedono la paritàtra uomini e donne, e documenta’ le esperienze.

Translated by:Campaign for One Million Signatures in Italy

Any message or comments?

Who are you?
Your post

To create paragraphs, just leave blank lines.